domenica 9 maggio 2010

Mojoj majci - Ruža Hrvatska

Mojoj majci - Ruža Hrvatska (A mia madre - Rosa croata) è stata scritta nel 1988 da Jasenko Houra, frontman della band Prljavo Kazalište, in memoria di sua madre, ma nel 1989 il popolo croato la accolse come un "inno" agli imminenti cambiamenti che stavano portando la Croazia all'indipendenza (avvenuta nel 1991). Visualizza il video su Youtube.

--------------



U njenu sobu uđem tiho,
Nella sua stanza entro silenziosamente,
tiho baš, na prstima.
silenziosamente, in punta di piedi.
Bojim se da ne zalupim glasno vratima,
Ho paura che non faccio rumore sbattendo la porta
Zaspala je zadnja ruža hrvatska.
Si è addormentata l'ultima rosa croata.

I tek sad kad je nema.
E adesso che non c'è
tko će jutrom da me budi.
chi mi sveglierà la mattina.
I tek sad kad te nema dobro znam,
E appena adesso che non ci sei so bene,
ti si bila zadnja ruža hrvatska.
tu eri l'ultima rosa croata.

Ružo, moja ružice,
Rosa, mia rosellina,
sve sam suze isplak'o,
tutte le lacrime ho versato
noću zbog tebe.
di notte per te.
Ružo, moja ružice,
Rosa, mia rosellina,
sve sam suze isplak'o.
tutte le lacrime ho pianto/versato.

I kako sad ovako sam.
E come adesso così solo
protiv tuge i oluje.
contro la tristezza e la bufera
Kad smo bili kao prsta dva,
Quando eravamo come due dita,
prsta dva jedne ruke.
due dita della stessa mano.

Ružo, moja ružice,
Rosa, mia rosellina,
sve sam suze isplak'o,
tutte le lacrime ho versato
noću zbog tebe.
di notte per te.
Ružo, moja ružice,
Rosa, mia rosellina,
sve sam suze isplak'o.
tutte le lacrime ho pianto/versato.



VOCABOLI:
buditi - svegliare
dva - due
hrvatska - croata
jedna - una
kad - quando
kako - come
moja - mia
oluja - tempesta, bufera
ovako - così
plakati - piangere
prst - dito
ruka - mano
ruža - rosa
sad - adesso
soba - stanza
suza - lacrima
tiho - silenziosamente
tko - chi
tuga - tristezza
vrata - porta
zadnja - ultima
zalupiti - sbattere la porta
zaspati - addormentarsi
zbog - a causa di
znati - sapere

Nessun commento:

Posta un commento